• Assistenza
  • Azienda
  • Stampa

Kaldewei in movimento: l’evoluzione della doccia

Ahlen, marzo 2014. – Le esigenze crescenti e le necessità variabili delle persone per quanto riguarda il bagno vengono costantemente riscontrate nella realizzazione di prodotti sempre nuovi e di soluzioni creative. Estetica, comfort e funzionalità vanno di pari passo con i trend architettonici, ma anche con le norme e le direttive di volta in volta vigenti. In particolare nel segmento delle docce si può riconoscere negli scorsi decenni un’evoluzione impressionante. Con spirito pionieristico e sensibilità per lo stile, Kaldewei ha contribuito in modo determinante a caratterizzare questo sviluppo. Alla SHK 2014 il pluripremiato produttore affascina i suoi visitatori con una rassegna sui quasi 60 anni di storia della sua produzione di docce: un percorso che va dalle vasche da doccia profonde ai piatti doccia smaltati incassati a livello del pavimento e con scarico integrato nella parete.

Per la prima volta nel 1956 Kaldewei ha prodotto, oltre alle vasche da bagno, delle vasche da doccia con una profondità di 28 cm, in acciaio smaltato. Le pietre miliari dello sviluppo delle docce a partire dagli anni ’50 vengono messe in scena in modo affascinante dal pluripremiato produttore con una rassegna presentata alla SHK. A rappresentare le fasi di questa evoluzione vi sono Sanidusch di Kaldewei, con 14 cm di profondità, Duschplan di Kaldewei con 6,5 cm di profondità, Superplan Plus di Kaldewei con ormai solo 2,5 cm di profondità ed infine i piatti doccia smaltati a filo del pavimento Conoflat e Xetis. La presentazione evidenzia come nei passati decenni le docce siano diventate sempre più piatte e più grandi. La domanda di docce con soglie d’ingresso sempre più basse, della possibilità di allestire l’ambiente in modo personalizzato ed il desiderio dell’assenza di barriere, di comfort e di una piacevole estetica nel bagno spingono Kaldewei a sviluppare sempre nuovi modelli.

Maggiori dimensioni e maggiore libertà di movimento

All’inizio le docce avevano caratteristiche meramente funzionali. Nel corso degli anni crebbero sempre di più le esigenze di comfort e di design. 90 x 90 cm è stata per molto tempo la massima dimensione delle vasche da doccia di Kaldewei. Ancora fino agli anni ’80 c’erano solo quattro diverse misure, in due diverse profondità, 28 cm e 15 cm: 80 x 75 cm, 80 x 80 cm, 90 x 75 cm e  90 x 90 cm. Sempre di più l’offerta si è ampliata a formati maggiori, per soddisfare il desiderio di una maggiore libertà di movimento. Un trend che è possibile registrare ancora oggi. Così Kaldewei decise di integrare la sua riuscita serie di prodotti Conoflat con quattro ulteriori formati, fino ad un formato XXL da 100 x 180 cm. Si passò anche dal quarto di cerchio al pentagono: oltre al continuo ampliamento dell’offerta dimensionale, l’azienda puntò su di una varietà di forme continuamente mutevole, e offrì in tal modo ai progettisti una maggiore flessibilità nella realizzazione dei bagni.

Con delle docce sempre più piatte si adattò anche il diametro dello scarico, da 52 mm a 90 mm, per garantire il flusso necessario dell’acqua della doccia. Superplan e Superplan Plus furono i primi modelli di doccia di Kaldewei che con la loro profondità massima di soli 2,5 cm potevano essere incassati a livello del pavimento. Entrambi i modelli rappresentano un ulteriore fase evolutiva sulla strada dei piatti doccia smaltati.

Conoflat, il primo piatto doccia a livello del pavimento di Kaldewei

Il primo piatto doccia assolutamente a livello del pavimento venne presentato da Kaldewei nel 2009, con Conoflat. Fu un grande successo: questa pietra miliare dell’arredobagno ha infatti ricevuto una molteplicità di rinomati premi per il design, tra i quai l’interior innovation award – Best of Best ed il Design Plus Award. Con Conoflat Kaldewei presentava inoltre per la prima volta la sua Coordinated Colours Collection. Questa selezione di colori opachi consentiva un armonioso adattamento dei piatti doccia smaltati ai materiali naturali di pareti e pavimento, come la pietra o il legno. L’attuale apice dell’evoluzione della doccia è segnato dall’ultima invenzione del Centro Design di Kaldewei: Xetis. È il primo piatto doccia smaltato al mondo con scarico integrato nella parete e con il suo design senza compromessi consente delle nuove opzioni per l’allestimento di moderne zone doccia.

Spirito pionieristico: sviluppo di nuovi prodotti e continua ottimizzazione

Per consentire agli installatori un montaggio il più possibile facile e veloce dei piatti doccia smaltati, Kaldewei ha sviluppato delle soluzioni con dei sistemi completi, costituiti da piatto doccia, telaio di installazione e sistemi di scarico e di guarnizione. Tutti i componenti provengono dallo stesso produttore e sono integrati tra loro in modo ideale. Un altro importante fattore per l’installazione è la precisione della forma della doccia. Con ulteriori ottimizzazioni della produzione, Kaldewei accentuerà in futuro i raggi degli spigoli delle sue vasche da bagno e dei suoi piatti doccia smaltati rettangolari. Ciò garantisce un perfetto incasso della doccia nell’area piastrellata circostante. Marcus Möllers, manager delle Relazioni Pubbliche di Kaldewei, spiega: “Vivere uno spirito pionieristico significa per Kaldewei sviluppare nuovi prodotti ma anche perfezionare continuamente i prodotti e sistemi già esistenti. Nella sua rassegna alla SHK, Kaldewei presenta le pietre miliari dell’evoluzione delle docce, dalle vasche da doccia profonde fino ai piatti doccia smaltati senza fughe“.

Fonte: Franz Kaldewei GmbH & Co. KG. Si prega di inviare giustificativo.

zip Evolution pics only
zip  |  15 MB
zip Press Release Evolution all languages
zip  |  11 MB
< DIN A4
861 KB

Alla SHK 2014 il pluripremiato produttore presenta ai suoi visitatori una rassegna sui quasi 60 anni di storia della sua produzione di docce: un percorso che va dalle vasche da doccia profonde ai piatti doccia smaltati incassati a livello del pavimento e con scarico integrato nella parete. La prima fermata: la vasca da doccia Sanidusch, con una profondità di 14 cm.

Source: © Kaldewei  |  press_01_Evolution.jpg

< DIN A4
942 KB

Da sempre Kaldewei realizza le sue docce da un unico pezzo di acciaio, senza saldature. Rifinito con il pregiato smalto e cotto a circa 850 °C, l’acciaio e lo smalto diventano un unicum quasi inseparabile. Con una profondità di 6,5 cm, Duschplan ha rappresentato un altro passo dell’evoluzione della doccia.

Source: © Kaldewei  |  press_02_Evolution.jpg

> DIN A4
2 MB

L’evoluzione della doccia non si rispecchia solo nell’estetica dei prodotti, ma anche nella loro denominazione: dalle vasche da doccia si passa ai piatti doccia smaltati. Con una profondità di 2,5 cm Superplan Plus di Kaldewei rappresenta un’altra fase dell’evoluzione verso i piatti doccia smaltati.

Source: © Kaldewei  |  press_03_Evolution.jpg

DIN A4
5 MB

I piatti doccia smaltati di Kaldewei offrono molte diverse possibilità d’impiego: dalle abitazioni moderne agli hotel, fino agli ospedali ed agli istituti di cura. Le superfici senza fughe sono durevoli, igieniche e si contraddistinguono per la facilità della pulizia. Nell’immagine: Conoflat. Il primo piatto doccia di Kaldewei assolutamente a livello del pavimento, offerto anche negli esclusivi colori della Coordinated Colours Collection.

Source: © Kaldewei  |  press_04_Evolution.jpg

> DIN A4
3 MB

Xetis, l’ultima fase dello sviluppo del Centro Design di Kaldewei, è attualmente il culmine dell’evoluzione della doccia. La superficie della doccia senza fughe, lo scarico integrato nella parete e gli esclusivi colori della Coordinated Colours Collection fanno di questa soluzione sistematica, costituita da piatto doccia, telaio d’installazione e sistema di guarnizione, uno degli elementi estetici più affascinanti del bagno.

Source: © Kaldewei  |  press_05_Evolution.jpg